Arazzi e passatoie

Gli arazzi, a differenza dei tappeti annodati, sono tessuti, formati cioè da fili intrecciati tra loro che danno origine ad un drappo dalla superficie liscia, il cui spessore è determinato a seconda del numero dei fili utilizzati. L'arazzo è una forma di arte tessile che va ad abbracciare sia l'artigianato sia la creatività artistica più alta. A livello squisitamente tecnico, esso è un tessuto di trama, in quanto a lavoro finito l'ordito non si vede, realizzato negli esemplari migliori integralmente a mano su un telaio e creato apposta per rivestire le pareti, come un quadro magnifico di ampio formato.

L'arazzo generalmente mostra larghi disegni, ed essi sono molto dettagliati e particolareggiati. Il disegno preparatorio, o cartone, di un arazzo anticamente veniva realizzato da un pittore e poi 'messo in opera', cioè tessuto con effetti straordinari, nel momento in cui l'artigiano incaricato dell'esecuzione era di pari abilità: il risultato finale, oggi come allora, viene in larga parte dalla sinergia di questi due menti artistiche che si incontrano in un'opera di estrema bellezza. I più belli tra gli arazzi richiedono tempi lunghi,esperienza,abilità e molta pazienza nel farli,oltre che una buona conoscenza artistica. Alcuni si tessono sulla macchina utensile, in cui la base è allungata in posizione perpendicolare.

Ma non bisogna confondere l'arazzo fatto a mano quello fatto a macchina:questi ultimi non hanno alcun valore artistico. Perlustrate a fondo all'interno della nostra sezione dedicata agli arazzi, questi oggetti d'arredo meravigliosi per le pareti come lo sono i tappeti orientali per i pavimenti. Troverete di certo quello che fa per la vostra casa.

Le passatoie

Rispetto alle forme e alle dimensioni, vi presentiamo una tipologia interessante di tappeto orientale, conosciuto in Occidente con il nome di 'corsie' o 'passatoie'.

Il nome persiano di questi tappeti è Kenareh, un formato stretto e lungo di varie dimensioni (800-120 x 250-600). Le corsie o passatoie sono veri e propri tappeti lunghi e stretti posti nella maggior parte dei casi negli ingressi e nei corridoi. La lunghezza di questi tappeti va da circa 2,5 metri fino a 20 metri e la loro larghezza è spesso compresa tra 0,5 e 1,5 metri. Ciò significa che la lunghezza di una passatoia misura sempre almeno tre volte la sua larghezza. Chiamate anche tappeti oblunghi, le passatoie per corridoi, ingressi o scale sono la seconda forma più comune di tappeto orientale.

Essi sono manufatti che si adattano perfettamente a corridoi, oppure ad una hall di alberghi, aziende o luoghi pubblici, ed anche ad una scala. Relativamente alla loro struttura, possiamo dire che le passatoie hanno spesso frange a livello di uno dei lati corti ed una superficie più piatta dal lato corto opposto. Perché? La spiegazione è semplice: il lato piatto è quello da rivolgere verso la porta, per far sì che le frange non vengano né tirate né strappate nell'aprire e chiudere gli ingressi.

L'uso delle passatoie è più diffuso negli Stai Uniti rispetto all'Europa, mentre se guardiamo ad una casa persiana tradizionale, le passatoie sono posizionate lungo i bordi di un tappeto più grande di forma rettangolare. Il motivo? Squisitamente funzionale: esse servono a sedersi per esempio durante colazione, pranzo o cena.

La disposizione dei tappeti e di passatoie all'interno delle case persiane sono portatori di antiche tradizioni che ricordano il passato nomade delle popolazioni: esse seguono ancora la distribuzione che tali tappetti avevano nelle tende.

Grid List

Set Descending Direction

1 Item(s)

Grid List

Set Descending Direction

1 Item(s)