Oggi vi parleró del tappeto Shirwan.

Siamo nella parte centro orientale del Caucaso. All’inizio dell’800 questa regione ha prodotto una gran quantità di tappeti.

Questi manufatti sono identificabili ma è difficile dare un’assegnazione precisa al territorio. A differenza dei tappeti persiani, i tappeti caucasici prendono il nome della regione in cui sono stati annodati, quindi è difficile dare una precisa assegnazione alla località del territorio.

Queste città vengono soprattutto popolate da popolazioni turco-azeere e da popolazioni armene.

Questa tipologia di tappeti hanno un’annodatura molto fitta che può raggiungere 3000 nodi al decimetro quadrato e sono molto morbidi al tatto.

I tappeti shirwan sono una bellissima fusione tra i tappeti caucasici, persiani e anatolici.

Tra i disegni dei tappeti shirwan troviamo melograni, palmette, disegni cufici e tutto ció che risente dell’influenza delle popolazioni persiane, turche e caucasiche.

I tappeti shirwan sono prettamente con disegni geometrici, spesso troviamo anche dei disegni con medaglioni sovrapposti in un’unica fila.

Tra i colori viene spesso utilizzato il giallo anche nelle tonalità zafferano, poi troviamo il blu scuro, l’avorio e con poca frequenza viene utilizzato il rosso.

I tappeti shirwan sono costituiti da trama, ordito e vello in pura lana a differenza dei tappeti persiani che spesso hanno l’ordito in cotone quindi sono anche riconoscibili per la loro struttura.

Riepilogando il tutto, i tappeti shirwan sono tappeti geometrici interamente in lana, trama ordito e vello con lo spessore di 8mm, i colori sono vegetali e i disegni sono prettamente geometrici. 

Grazie!
Per oggi è tutto, ci vediamo al prossimo video!
Grazie da Farshad Shahabadi.